EL.D

... nessun tipo di salute possiamo pretendere senza EL. D.
È una speciale "corrente" di cui tutte le cellule hanno ASSOLUTO BISOGNO per vivere e rimanere in salute. Non si conosceva l'esistenza né il modo di recuperarla. Anche questa è una delle grandi scoperte di L.Turenne. Con il Momos EL.D. recuperiamo questa corrente che, in più, ci preserva dall'elettrosmog.

Si utilizza:

Se noi misuriamo le onde propagate dall’elettricità artificiale, vediamo che sono ad andatura verticale con lunghezza di m.7,50: fili, apparecchi di illuminazione, elettrodomestici, orologi anche da polso, telecomandi, strumenti medicali, etc., quale che sia l’amperaggio, il voltaggio o la frequenza. Le correnti elettriche, dunque ordinariamente in uso, sono nocive alla nostra salute !
Quando le loro vibrazioni soggiornano nei nostri condensatori e nelle nostre cellule, bisogna al più presto liberarsene.

Va ancora sottolineato che negli appartamenti MOLTO FREQUENTEMENTE SI HANNO PERDITE DI CORRENTE, e queste onde nefaste sono soprattutto cattive per il "terreno umano" quando esistono per perdita d'isolamento lungo il muro dietro la testa del nostro letto (o peggio lungo due muri formanti angolo). Durante la notte, i condensatori della testa e del petto della persona coricata, si caricano di questa elettricità nociva. Per norma e pensando all'accumulo di queste particolari nocività, di cui oggi è facilissimo saturarsi, a causa delle auto, degli apparecchi elettrici sempre più diffusi, dei telefoni e dei telefonini, è bene usare secondo le istruzioni il Momos Original Turenne Catalyst EL.D, che ha il compito di desaturare i nostri condensatori e in un certo senso di proteggerci da nuovi assorbimenti.
Importante è conoscere che il Momos EL.D agisce come onde su: tutti i parassiti interni, le tenie, l’utero e le ghiandole: ovaie e testicoli. Agisce sulle sostanze cerebrali (bianca e grigia), su zona, herpes, eczema e anche su due malattie molto vicine tra loro: "lymphomatosi e lymphogranulomatosi".
EL.D rimonta le onde a 8 m. (armonica d’onda di ogni cellula sana).

LE ONDE DEI RAGGI “X”, ALTA FREQUENZA, etc... Queste onde che ritroviamo molto spesso anche dopo tanti anni dal loro impiego
(per trattamento terapeutico) e che continuano a costituire nell'organismo gravi nocività e bloccaggi, se ne andranno grazie alle onde portanti del Momos EL.D.
NOTA: Mediante questo catalizzatore ed altri del "METODO TURENNE" è possibile attualmente levare dal corpo umano tutte le onde verticali, che per loro natura intossicano il magnetismo del corpo e predispongono i “terreni umani” a qualsiasi forma di malattia. E' questo un progresso immenso di cui solo in futuro si comprenderà l'importanza.
E’ questa un’opportunità squisitamente unica ed eccezionale che ci viene offerta.

 

Per entrare in possesso del Materiale Turenne (Momos Catalizzatori o altro) occorre seguire un breve Corso d'informazione e formazione, presso la Sede dell'Associazione o presso uno dei suoi Collaboratori specializzati. Il corso è totalmente gratuito.

********************************************************

L'ELETTRICITA’ UCCIDE. LENTAMENTE MA UCCIDE *
“La Repubblica” ha pubblicato un articolo dal titolo sconcertante: "Dall'elettricità rischio di tumori".
Vi si riporta la sintesi di un rapporto dell'EPA (Agenzia per l'ambiente del governo federale americano) che suona più o meno così: pali e cabine elettriche che circondano le abitazioni, elettrodotti, elettrodomestici (dal personal computer alla lavapiatti, dal frigorifero al ferro da stiro), ed in definitiva ogni sorgente di elettricità (e quindi di radiazioni elettromagnetiche) è una possibile causa di cancro negli esseri umani. Cerchiamo, per quanto possibile, di fare chiarezza su questo problema.

IL VISIBILE E L’INVISIBILE
Una constatazione innanzitutto: più le ricerche scientifiche avanzano più si comprende che spesso quello che non si vede è più pericoloso di quello che si vede. Il primo esempio macroscopico ormai entrato nella coscienza comune è quello della radioattività. Oggi comincia finalmente a farsi strada la coscienza di un altro grave rischio: quello delle radiazioni elettromagnetiche. Esistono delle radiazioni nocive "naturali". (Non dobbiamo dimenticare che il pianeta Terra è un enorme condensatore in cui il polo positivo è il cosmo stesso.
Questo condensatore si scarica continuamente per essere ricaricato dai temporali, valutati intorno ai 2.000 / 2.500 al secondo. Ed è per questo che gli organismi, ed in particolare quelli viventi, sono sensibili ai campi elettromagnetici di diversa frequenza ed intensità. Le nostre cellule, cioè, sono estremamente sensibili ad ogni segnale o frequenza esterna). Esistono anche radiazioni nocive "artificiali" estremamente negative per gli esseri viventi e specialmente per l'uomo. Sono determinate radiazioni elettromagnetiche: l'elettricità è fra queste.
Ma ricominciamo da capo e con ordine.

DI CHE COSA SI TRATTA QUANDO SI PARLA DI RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE?
ED IN CHE MODO SI COLLEGANO ALLA SALUTE?

Ogni organismo in buona salute emette una particolare armonica di onda elettromagnetica. Negli organi ammalati questa armonica non è sempre presente e la sfasatura è tanto più consistente quanto più l'organo è in cattive condizioni di funzionamento.
L'organismo vivente è molto meno "solido" di quello che sembra a prima vista; potremmo anzi dire che è più "liquido" che "solido" ed inoltre essendo costituito di molecole ed atomi è più "vuoto" che "pieno". E' attraversabile con grande facilità da radiazioni, anche non particolarmente potenti. Le molecole specializzate che compongono l'organismo (DNA, catene proteiche, lipidi, enzimi, ecc...) devono la loro specializzazione all'ordine con il quale gli atomi sono legati fra loro. L'ordine di questo legame viene determinato dagli enzimi i quali operano come catalizzatori con precise caratteristiche elettromagnetiche. In parole più semplici si può dire che operano come "calamite" che attirano gli ioni carichi (positivamente o negativamente), fino a formare prestabilite catene di atomi. Quando l'intensità o la polarità del campo elettromagnetico all'interno del plasma cellulare viene modificata (e questo succede ogniqualvolta una cellula viene attraversata da una radiazione proveniente dall'esterno dell'organismo) la vita della cellula (che consiste nella costruzione di molecole) ne risente.
A quel punto la cellula è potenzialmente identificabile in quanto la sua frequenza di emissione non è più quella prevista e se la situazione non ritorna rapidamente a livelli normali, la cellula muore o "impazzisce", producendo molecole non necessarie se non addirittura nocive all'organismo.

QUALI SONO LE RADIAZIONI CHE POSSONO GENERARE QUESTI DISTURBI? **
Gli elettroni "sparati" dal tubo catodico del televisore (migliaia al secondo), le radiazioni emesse dal funzionamento di qualsiasi motore elettrico, quelle dovute a perdite di corrente nei muri di casa (onde artificiali), ed una famiglia di onde tutte particolari definite "telluriche" (onde naturali) che comprendono una serie di emissioni dovute ai diversi elementi presenti nella struttura geologica del sottosuolo.

QUALI MALATTIE POSSONO GENERARE?
Solitamente si tratta di malattie ad insorgenza lenta o alterazioni che possono colpire particolari organi più esposti e meno difesi (ad esempio irritazioni e malattie agli occhi). Malattie o disturbi che continuano a ripresentarsi dopo un certo periodo dal termine di una terapia a base di farmaci, o che migliorano con un cambiamento di luogo, di clima o di abitudini di vita. Le malattie croniche in generale ed altri tipi di malattie con caratteristiche tumorali.

COME CI SI PUO’ DIFENDERE? (IL SISTEMA TURENNE)
L'organismo ha una sua difesa naturale, una specie di "scudo elettromagnetico" (che viene comunemente chiamato Aura), ma in alcuni casi, (stress psicofisico, tare ereditarie, disturbi nervosi, alterazioni biochimiche dovute a malattie o a pesanti chemioterapie o a terapie radianti) questo scudo (che potete immaginare come una fitta maglia del tipo di quelle che si mettevano sotto le armature medievali) si indebolisce (per continuare nella metafora, la maglia si strappa in vari punti) diminuendo il suo fattore di protezione di modo che anche le radiazioni più deboli
possono arrivare a colpire e destabilizzare una cellula.

E' necessario a questo punto intervenire su tre differenti piani:
1) Bonifica e protezione ambientale
2) Rifasatura elettromagnetica dei colloidi cellulari
3) Rinvigorimento

BONIFICA E PROTEZIONE AMBIENTALE
Bisogna individuare l'origine delle fonti di disturbo elettromagnetico all'interno dell'abitazione. Poi schermare queste fonti utilizzando emettitori di radiazioni alfa, beta e gamma a bassissima energia. Le radiazioni generate dagli emettitori interagiscono con quelle presenti nell'ambiente cambiandone la frequenza fino a portarla a valori che non disturbano il plasma cellulare.
Questi emettitori si chiamano AMBIENTAL MOMOS CATALYST.

RIFASATURA ELETTROMAGNETICA
Dopo l'ambiente bisogna intervenire sull'organismo. Tramite altri emettitori di frequenze particolari (secondo il tipo di disturbo su cui intervenire) si restituisce alla cellula malata l'equilibrio energetico che le permette di sintetizzare correttamente tutte le molecole necessarie alla vita.
Questi emettitori si chiamano BIO MOMOS CATALYST TURENNE.

RINVIGORIMENTO
Sempre per mezzo degli Ambiental Momos e Bio Momos è possibile mantenere e rafforzare lo stato di salute raggiunto rafforzando il proprio "scudo elettromagnetico", la propria Aura.

Una necessaria nota finale
I farmaci chimici intervengono direttamente nelle funzioni chimiche cellulari apportando al loro interno una certa quantità di ioni o molecole con funzioni diverse secondo il farmaco o la malattia. Il loro effetto è spesso rapido, ma limitato nel tempo. Risolvono la crisi ma non sempre il problema. I Catalizzatori intervengono invece indirettamente aiutando la cellula a produrre essa stessa le molecole e gli ioni necessari alla guarigione.

* Si legge nel Quaderno n.16 di Igiene Ambientale dell'OMS, come indicato in un rapporto degli USA (Office of Telecommunications Policy, 1974): "Se non vengono adottate molto rapidamente misure di sicurezza adeguate, l'intera comunità corre il rischio di entrare in un'era di inquinamento energetico paragonabile all'inquinamento chimico odierno".
Non solo. L'EPA, l'agenzia ufficiale statunitense per la protezione dell'ambiente, ha pubblicato nel giugno 1990 un rapporto che vede catalogati i campi elettromagnetici Elf (quelli delle linee ad alta tensione e, in misura minore, quelli prodotti da impianti domestici) nella sottoclasse B1, appartenente alla seconda categoria in fatto di potenziale rischio cancerogeno. Sullo stesso piano dunque del cadmio e della formaldeide e quindi più cancerogeni di certi agenti chimici come il DDT, i PCB e la diossina...

** Secondo un ricercatore francese, il prof. Depris, abbiamo i seguenti effetti biologici a seconda della lunghezza d'onda:
da 25 a 30 Mhz (usate da radioamatori, cb, taxi, etc.) penetrano in tutti i tessuti e nelle ossa ed in particolare nel cervello, nel midollo spinale, nel cristallino;
da 88 a 108 Mhz (usate nelle radiodiffusioni FM) penetrano fino a 4 cm. di profondità nel cervello, nel midollo spinale, nel cristallino;
da 175 a 216 Mhz (usate nella banda III UHF televisiva) interessano soprattutto i bambini in crescita;
da 6l4 a 854 Mhz (usate nella banda V UHF televisiva) penetrano nel cervello fino a 2 cm. ed hanno una potenza energetica 10 volte superiore rispetto a quella da 88 - 108 Mhz;
da 2450 Mhz a 2,5 Ghz (usate nei radar di sorveglianza, nei satelliti TV, nei forni a microonde ecc.) penetrano nel cervello da 0,5 a 1 cm. e sono dannose per gli occhi, il sangue e i microrganismi;
da 10 a 100 Ghz (usate nei radar militari, in certi satelliti TV, nei forni industriali) penetrano nel cervello di alcuni millimetri, disturbano il sangue ed i microrganismi, penetrano nei grassi per un cm., hanno degli effetti biologici considerevoli malgrado la scarsa penetrazione perché possiedono una potenza energetica di circa 10.000 volte rispetto a quella delle onde di 10 Mhz.





Tutto sui Momos

Le grandi
categorie

Louis
Turenne