ISIDE

"L'ultimo prodotto della Ricerca nei Laboratori Turenne"
D'ora in poi, con il Metodo Turenne, le onde buone e la buona salute …. si bevono!
Kit composto da 2 Momos per preparare un'acqua speciale che aiuta ad invertire il processo di degenerazione.

 

L'Associazione Turenne nel suo impegno di solidarietà sociale, lavorando nel campo della Ricerca Scientifica per mezzo delle Onde, al termine d'uno studio durato nove anni annuncia una straordinaria scoperta. Per meglio comprendere la portata di questa novità, mirata a migliorare la vita nell'essere umano, e per conoscere su quale fondamento scientifico si appoggia, bisogna riferirsi a quanto affermato, definito ed accettato dalla Comunità Scientifica Mondiale già nella prima metà del 1800:
"Tutte le onde esercitano un'azione modificatrice sulla chimica della materia, dunque le onde positive agiscono in modo benefico e quelle negative in modo malefico."
Alla luce di questa autorevole affermazione desta preoccupazione e anche un certo sospetto il fatto che oggi si viva immersi nel più fitto 'inquinamento elettromagnetico' e che, in luogo di risanare l'ambiente da tali onde nocive, in nome del progresso e della modernità, si persiste nel produrre quotidianamente nuove onde nocive (cellulari, sistemi wireless, antenne dovunque, etc etc)! Stupisce anche il fatto che si continui a curare la materia ignorando (forse occultando) un principio tanto importante: se è l'onda ad agire sulla materia è ovvio che di quella ci si debba occupare primariamente.
All'inizio del '900 l'Ing. Louis Turenne, primo grande studioso delle onde, osservò ed esaminò in che modo e grazie a quali fenomeni le onde (elettromagnetiche, radioattive, quantiche, etc.) interagiscono con la struttura biochimica delle cellule viventi e con i loro comportamenti funzionali. Fu il primo a verificare la veridicità di quanto affermato nel lontano 1800. Da esperto ricercatore qual era in fatto di onde, sempre preoccupato per lo stato di salute degli esseri viventi, fatto suo il principio che "Tutte le onde esercitano un'azione modificatrice sulla chimica della materia, dunque le onde positive agiscono in modo benefico e quelle negative in modo malefico."
A questo principio Turenne si è giustamente attaccato in modo saldo ed in questo senso ha molto lavorato fino a trovare - grazie ad alcune sue importanti scoperte - il modo di contrastare le nocività ondulatorie (con i suoi Catalizzatori contro le onde) e quindi il modo di salvaguardare la salute dei corpi. Questo fu il primo pensiero guida e la conseguente linea di condotta di Turenne.-

 

1908-2008. Cento anni di utilizzo di questi Catalizzatori d'Onda hanno contribuito a rallentare (in chi li ha usati) la degenerazione delle cellule.
La modernità però provvede incessantemente ad accrescere in modo sconsiderato la produzione di onde cattive, rendendo sempre più difficile all'uomo che vi è immerso, proteggersi ed essere sano.
Benché Turenne sia scomparso nel 1954, la sua Scuola ha continuato a studiare e seguire questi fenomeni, fino a constatare che oggigiorno una persona non riesce più a difendersi, anche in conseguenza del fatto che non "ha più il tempo e la disponibilità" per usare regolarmente i Catalizzatori Turenne e del fatto che le fonti inquinanti sono dovunque sempre più presenti (persino addosso, se pensiamo al cellulare!).
Per coloro che si occupano solo di Onde come noi, questo significa essere aperti e ricettivi di fronte ad ogni sorta di malanno e, assai più antipatico, significa veder degenerare rapidamente la salute dell'intera costituzione .-

 

Manuel Manfredi nella sua attività di controllo e studio delle Onde della persona e più ampiamente dell'intero sistema universale, matura nel tempo una serie di interrogativi destinati a diventare fondamentali per orientare le sue ricerche in un'altra direzione: "Per quali motivi l'essere umano è così fragile e vulnerabile? Perché non si difende da solo dalle nocività che lo saturano e malversano e lo trattengono nella condizione d'essere lui stesso ad attirare altre nocività e poi ad irradiarle attorno a sé ? E' proprio tanto assurdo immaginare un essere umano diverso e nuovo? Un essere umano che si sappia difendere autonomamente? -Non un essere umano che viene abbattuto dalle onde cattive, ma in grado di trasformarle in positive - dentro e fuori di sé ? Un essere umano capace di attirare e di irradiare onde positive e benefiche? Non potrebbe esistere la possibilità di "educare" o "rieducare" (!?) l'essere vivente in questo senso?
Questo pensiero ha indotto Manfredi a trovare delle risposte, a fare ricerche in questo senso proprio per trovare - se fosse esistita - una possibile soluzione. Lui - che di onde si occupa - ne era convinto; tutto sommato si sarebbe trattato di modificare dei programmi (?) -. Su questa ipotesi Manfredi ha appoggiato un gran lavoro di analisi e di studio, in fondo aveva intuito che bisognava fornire all'essere umano una nuova istruzione, una sorta di "lezione di buon comportamento" da immettere e registrare nel DNA.
Nove anni di applicazione intorno a questo progetto ed una serie di coerenti scoperte hanno portato alla identificazione del complesso d'Onde da cui è scaturito un "preciso nuovo codice vibratorio" che può trasformare l'essere umano in un "essere umano nuovo"! Ora sappiamo che tutto questo è possibile, basta "istruire a nuovo il nostro organismo". Come?
Semplicemente veicolando all'interno dell'organismo questo nuovo codice vibratorio. Manfredi sperimenta che il 'veicolo' più adatto, più comodo e più pratico per ottenere lo scopo, è costituito dall'acqua, un'acqua opportunamente trattata ed informata. Non dimentichiamo che siamo fatti di acqua e che di acqua tutti abbiamo bisogno ogni giorno.
Al nuovo complesso di Onde è stato dato il nome di ISIDE".
Essendo il meccanismo messo a punto quello descritto, non si potrà e non si dovrà parlare di un'acqua curativa o medicale, ma bisognerà essere o divenire consapevoli che le modificazioni positive - quando ci saranno - saranno il frutto del più ordinato e corretto comportamento del nostro stesso Sistema Vitale nuovamente istruito.
Un comportamento che senza dubbio rallenterà in modo considerevole la degenerazione dei corpi e, molto probabilmente, farà molto di più.
Per la capacità di cambiare il negativo in positivo, questa Nuova Onda ci è parsa avere delle similitudini col principio alchemico della Pietra Filosofale. Chi ha studiato questa materia, sa benissimo cosa significa. Una scoperta di tale importante rilevanza ci permette di affermare che siamo di fronte ad una svolta storica epocale per le sorti del Metodo Turenne, della nostra Associazione, di noi individualmente e - perché no - dell'umanità che vorrà profittarne.-

 

PREPARAZIONE DELL'ACQUA SPECIALE " ISIDE"
(SI RACCOMANDA DI SEGUIRE LE ISTRUZIONI MOLTO ATTENTAMENTE)

SCELTA DEL LUOGO:
Nell'ambiente in cui si opera è necessario installare i Momos EU + ATS-FIELD (protezione ambiente)
Preferire una postazione lontana da fonti inquinanti (apparecchi elettrici, elettronici)
Collocare le bottiglie sopra un ripiano privo di cassetti sottostanti chiusi.

Si usa acqua semplice spillata lentamente dal rubinetto accertandosi che sulle tubazioni del circuito idrico domestico ci sia il Momos Water Shaper.
Se, per qualche ragione non è stato possibile installarlo, si potrà ovviare appoggiando sulla bottiglia d'acqua prelevata il Momos Water Shaper per 15/20 minuti.
Chi avesse problemi con l'acqua del rubinetto sappia che sono in commercio bottiglioni da 5 litri di acqua NON minerale. Sull'etichetta c'è scritto: Acqua di Fonte o Acqua Pura... Si trova in Italia, Francia, Turchia, etc.-
Si appoggia la bottiglia (è raccomandato di non usare vetri scuri ma bianchi trasparenti - vetri con una leggera ombreggiatura verde vanno bene lo stesso) sopra un Pa-Koua bene orientato N-S. Se l'anellino della Medaglia Pa-koua non permette alla bottiglia di stare diritta, si può toglierlo senza problemi.


- Si appoggia sulla bottiglia il Momos ISIDE 1 (vedi figura) e lo si lascia per i tempi sottoindicati:
se la bottiglia è da ½ litro, occorrono 12 ore
se la bottiglia è da 1litro, occorrono 24 ore
TRASCORSI QUESTI TEMPI :
- Si toglie il Momos ISIDE 1 e al suo posto si mette il Momos ISIDE 2 :
se la bottiglia è da ½ litro, occorrono 12 ore
se la bottiglia è da 1litro, occorrono 24 ore


- A QUESTO PUNTO L'ACQUA E' PRONTA DA BERE

 

 

 

IMPORTANTE:
Sarà bene ricordarsi di rimuovere ogni circa due ore il Momos dalla bottiglia e rimetterlo subito al suo posto (per dare l'onda di Shock - chi non potesse eseguire questa manovra ogni 2 ore, lo faccia almeno mattina e sera e li lasci in posa per più tempo). Di notte non è necessario.

USO e DOSI:
Al fine di 'fissare' il programma nelle cellule, per i primi 21 giorni che dovranno essere consecutivi, è necessario berne almeno ½ litro al giorno (di più é meglio), distribuita lungo la giornata. Il trattamento risulta maggiormente efficace se l'acqua viene bevuta frequentemente, non a bicchieri pieni, ma a sorsi trattenuti in bocca per qualche istante. Dopo i primi 21 giorni si potrà continuare così, oppure aumentare a piacere i dosaggi. Siccome non può mai far male, si potrà berne a volontà anche durante i pasti e in sostituzione di quella abituale.

AVVERTENZE:
1° Se non si dovesse consumare tutta l'acqua preparata entro la giornata e il Momos ISIDE 2 occorre per un'altra preparazione, bisogna conservare la bottiglia con l'acqua avanzata sopra un Pa-Koua bene orientato Nord-Sud.
2° Se occorresse trasportare l'Acqua ISIDE già pronta, per usarla fuori casa, si abbia cura di usare recipienti di vetro e non di plastica. Per 24 ore l'acqua rimane viva (anche senza sotto il Pa-Koua).
3° Avere molta cura di NON BAGNARE i Momos perchè si distruggono. (Maneggiando acqua potrebbe capitare)
4° ISIDEè un complesso di Onde destinate a riordinare strutture e funzioni dell'organismo, ma non può sostituire una sana e corretta igiene alimentare, comportamentale e di vita (ritmi veglia-sonno, riposo-attività, in piedi e sdraiati, etc.).
5° Le persone sotto trattamento farmacologico NON dovranno sospendere le terapie ma avranno cura, dopo 5/6 mesi di uso dell'Acqua ISIDE, di ripetere analisi e consultazioni cliniche: E' possibile che via via intervengano positive modificazioni dello stato di salute/malattia, tali da richiedere un aggiustamento o una sospensione delle terapie...

E' molto raccomandato l'uso dei Momos ISIDE 1 e ISIDE 2 per applicazioni dirette sul corpo. Ci si sdraia e si appoggia il Momos in verticale, quattro dita sopra l'ombelico per almeno 20/25 minuti. Un giorno si usa ISIDE 1, il giorno dopo ISIDE 2 e così via alternativamente. Nello stesso giorno si potranno fare anche più applicazioni, ma dello stesso Momos.





Tutto sui Momos

Le grandi
categorie

Louis
Turenne